Il venerdì non è altro che l’antipasto, il nastro di partenza, che inaugura il week-end del calcio nazionale e internazionale.

Partiamo dai nostri confini, trasferendoci nel Girone C di Lega Pro, quello del sud, dove questa sera è andato in scena l’anticipo della 6a giornata di campionato, che ha visto il Matera imporsi 2-1 tra le mura amiche contro la Paganese, che dopo la dolorosa sconfitta di domenica scorsa nel derby campano contro la Juve Stabia, rimane ancorata nei bassifondi della classifica a soli 4 punti. Vittoria vitale per i padroni di casa, che staccano proprio gli avversari della serata e volano verso metà classifica nel gruppone di ora sei squadre tutte a 7 punti.

È arrivato ora il momento di volare oltre i nostri confini nazionale e viaggiare verso quelli dei più importanti europei.

Nessun “Friday Night” in Inghilterra con la Premier League, passiamo direttamente alla Bundesliga tedesca, che ha visto affrontarsi Schalke 04-Bayer Leverkusen in un match che una volta era per le ‘top positions’ della classifica e che invece vede ora due squadre in crisi ed in tremenda difficoltà (soprattutto i rossoneri). 1-1 che serve poco a entrambe: i blu di casa raggiungono la doppia cifra di punti al settimo posto, i rossoneri 8 punti al decimo posto della graduatoria.
Il calcio sta cambiando ed anche in Germania spazio alle sorprese…

Rivviciniamoci nuovamente ai nostri confini sbarcando nella vicina Francia, dov’è andato in scena per la Ligue 1 l’interessante Monaco-Montpellier: i bianco-blu-arancio riescono nell’impresa di stoppare anche i monegaschi (1-1 beffa allo scadere) dopo aver fermato clamorosamente il Psg la scorsa giornata. Aggancio in testa alla classifica che non può essere accolto certamente con felicità per Falcao (in gol) & Company visto il mezzo passo falso e la possibilità ora di essere staccati nuovamente di ben 3 punti da parte dei parigini del trio magico Cavani-Neymar-Mbappé.

Andiamo ora in Spagna, che ha visto in Liga accadere uno spettacolare e pirotecnico 3-3 fra Celta Vigo e Girona. Squadra di casa appesa a un filo tra le zone alte e quelle basse della classifica, punto salvezza importante per la neopromossa matricola.

Concludiamo il nostro viaggio volando nei lontani Paesi Bassi, erroneamente chiamati Olanda, per l’anticipo dell’ Eredivisie Twente-Heracles, vinto a fatica dai rossi ex campioni per 2-1. Vittoria scaccia-crisi ma non troppo per i padroni di casa, ancora immischiati nel fondo della classifica (15esimi a 6 punti dopo 7 partite giocate) nonostante la vittoria appena ottenuta: penultimo posto abbandonato, almeno momentaneamente. Squadra di trasferta ferma a 8 punti a centro classifica.

 

Share