Ritorniamo, come anticipato la scorsa settimana, ad occuparci della vicenda Stadio Collana.

Ieri, lunedi, ha visto il secondo step previsto ovvero l’incontro svoltosi a Palazzo San Giacomo tra ASD Giano srl, composto dagli ex calciatori Ciro Ferrara e Fabio Cannavaro e dal costruttore Paolo Pagliara, cioè il gestore che si è aggiudicato la gestione dell’impianto per i prossimi 16 anni.

Presenti le Istituzioni, nella fattispecie l’Assessore allo sport del Comune di Napoli Ciro Borriello e le associazioni sportive operanti nella struttura chiusa da un anno e mezzo.

Soccer News 24 ha raggiunto telefonicamente il presidente della quinta municipalità Vomero Arenella Paolo De Luca presente all’incontro istituzionale.

Al Presidente De Luca chiediamo cosa è emerso da questo incontro molto atteso dagli addetti ai lavori che è stato preceduto da un sopralluogo effettuato dai rappresentanti di Giano srl presso lo stadio.

“L’incontro è risultato proficuo sotto il profilo del dialogo. Ma devo sottolineare che l’associazione Giano non ha avuto ancora le chiavi dell’impianto e che valuterà attentamente costi e ricavi. In quanto trattandosi di un’ associazione dovrà avere i conti in pareggio “. Risponde De Luca, il quale prosegue ritenendosi comunque soddisfatto del dialogo instauratosi a tutti i livelli istituzionali. “Dall’incontro è emersa un’ apertura molto significativa da parte dell’associazione Giano verso le associazioni sportive a cui verrà riservato un incontro per ogni disciplina”.

Il sopralluogo effettuato in mattinata presso lo stadio Collana ha evidenziato diverse criticità che evidentemente non erano presenti diversi anni fa. Per la precisione quattro, quando l’associazione vincente effettuò una prima visita.

Chiediamo al presidente De Luca che impressione ha avuto al termine dell’incontro. Si è aperto il dialogo tra  il privato ed il pubblico in cui si garantisce lo spazio che in precedenza  era concesso alle associazioni sportive?

“Direi di si la mia sensazione è positiv. Nei prossimi giorni verrà effettuato un ulteriore sopralluogo con tecnici ed ingegneri per capire ed indicare  tempi e costi”. Prosegue il presidente che auspica una veloce soluzione affinchè l’impianto venga consegnato alla collettività.

“Come presidente di municipalità e come utente ed appassionato di sport auspico una rapida soluzione nell’interesse della collettività”. Afferma De Luca. “Non dimentichiamo il ruolo sociale come elemento di aggregazione sociale e familiare. Fondamentale punto di riferimento dell’intera città”, troppo tempo è stato perso e noi come Municipalità ed istituzione saremo molto attenti affinchè le attività sportive vengano salvaguardate”. Chiude il Presidente.

Dunque la vicenda privatizzazione stadio Collana, chiuso da un anno e mezzo, vedrà nei prossimi giorni due importanti step. Uno di natura economica da cui dipenderà il futuro dei lavori e forse del Collana stesso. L’altro di natura più squisitamente sociale ovvero incontrare in riunioni separate le singole associazioni sportive per indiocare tempi e spazi futuri.

Il portale sarà pronto nell’aggiornare i lettori.

Share