Difficile davvero spiegare e giustificare la netta ed inopinata sconfitta subita dalla Gevi Napoli in quel di Palestrina.

Sconfitta netta 77 a 52  che non ammette discussioni.

Mai in partita la squadra di coach  Lulli uno degli ex dell’incontro’ l ‘altro è Ponticiello seduto sulla panchina dei laziali.

Capitan Guarino e compagni presenti solo fisicamente con la testa altrove e con una partita molto difficile in casa domenica prossima contro la Viola Reggio Calabria.

Se si fosse concluso  ieri il campionato la squadra azzurra sarebbe fuori dei play off. Traguardo sicuramente alla portata della Gevi; obiettivo primario della neo società.

Sul banco degli imputati principalmente coach Lulli. Il quale non nega a fine partita in un comunicato ufficiale della società di essere il primo responsabile della disfatta di Palestrina.

“Alle prime difficoltà ci siamo smarriti e non siamo stati più in grado di reagire. E’ una questione di testa e su questo aspetto lavoreremo in settimana. Siamo rammaricati per i tifosi che ci hanno seguito in trasferta e per la società che ripone in noi molte speranze”. Fonte Gevi Napoli.

La compagine azzurra deve mostrare mettendo in pratica ciò che prepara in settimana. Ovvero spirito di sacrificio , lavoro e forza di volontà.

Share