Una squadra completamente nuova, da capo a piedi, rivoluzionata come un calzino.

Squadra con un progetto che ha convinto diversi cestisti, compreso Riccardo Malagoli. Classe ’88 nativo di Modena pivot di 2,10 metri lo scorso anno al San Severo in serie B. Squadra con cui ha vinto lo spareggio play off contro il Palestrina compagine allenata proprio dal nuovo coach del Basket Napoli ovvero Gianluca Lulli, fino allo scorso anno al timone del Palestrina.

Il nostro portale raggiunge, in esclusiva, telefonicamente poco prima dell’allenamento il pivot modenese; con un passato in serie A1 a Livorno per porgergli il benvenuto all’ombra del Vesuvio e chiedergli cosa lo ha spinto a sposare il progetto del Napoli Basket in serie B?

“Sicuramente la serietà del progetto e l’ambizione della nuova dirigenza (proprietà Tavassi-Grassi), persone molto determinate; oltre all’allenatore c’è l’amore per la città e la piazza napoletana che abbiamo io e la mia famiglia”. Risponde il giocatore, “un nome quello di Napoli a cui è difficile resistere”.

Conosci già qualcuno dei tuoi nuovi compagni con cui giocherai quest’anno?

“Già conoscevo quasi tutti i componenti della squadra soprattutto per averci giocato  spesso contro”, risponde l’ex atleta del San Severo. “Circa l’allenatore (Lulli) l’ho incontrato da avversario negli ultimi due anni, in particolar modo nella serie finale dei play off della scorsa stagione”, chiude il giocatore.

Che obiettivi vi siete posti e quali squadre soprattutto ritieni favorite per la promozione e o play off?

“Nostro principale obiettivo in questo momento è quello di creare in primis un gruppo solido ed affiatato che ci porti poi, con il lavoro duro tecnico e tattico in palestra, a potercela giocare con tutti sul parquet”. Risponde il pivot centro modenese. “Per questo non ci poniamo limiti ben sapendo che il girone è davvero molto equilibrato”. Continua Malagoli- “sappiamo che ci sono diverse compagini in grado di vincere il torneo perchè molto forti e complete anche superiori a noi, ovviamente sarà il campo a dare il verdetto finale”.

Nomi?

“Direi Caserta, Reggio Calabria, Palestrina e Salerno ma di sicuro  ci saranno sorprese”, chiude il neo acquisto.

Chiudiamo ringraziando Malagoli della sua disponibilità. cosa si sente di dire al pubblico e soprattutto ai tifosi delusi dopo l’ultima amara retrocessione alla serie cadetta!

“Mi rendo conto della batosta subita lo scorso anno, mi sento di dire però ai tifosi che a Napoli c’è una squadra che farà di tutto per portare il più in alto possibile questi colori con lavoro e serietà. Sicuramente il palazzetto pieno ed il calore dei nostri tifosi possiamo divertirci”; chiude il pivot.

Dunque il nuovo progetto targato Napoli Basket che ha rilevato le quote del presidente Ciro Ruggiero che ha avuto il merito di riportare il basket a Napoli facendo assaporare all’ombra del Vesuvio la serie A dopo anni di assenza.

Tecnico e giocatori esperti della cadetteria sono pronti a portare di nuovo il basket a Napoli. Se son rose fioriranno.

Esclusiva di Soccernews24

Share